Vai alla barra degli strumenti

Raffaele Vitale e la sua “Casa del nonno 13”

Davanti alla telecamera ha il piglio di chi vuole andare oltre la superficie, oltre le cose più evidenti, persino oltre i propri convincimenti. È un viaggio sulle cose che accadono, su un luogo nato in una cantina del ‘700. Raffaele Vitale è creatività allo stato puro, un leader nato per guidare un team attento a non mettere mai nell’ombra i ragazzi che lavorano con lui.
Se vai sul sito «casadelnonno13.it» noti subito il guizzo della genialità. Lo noti nei testi, nell’impostazione, nelle cose per le quali Raffaele Vitale ha ricevuto tutte le attestazioni che gli hanno conferito.
«Cosa si nasconde dietro una porta? Un coniglio, delle rape ed un uovo elegante. Pescatori, contadini e primavera. Un totano, il Vesuvio e l’assoluto. Una marchigiana, una bufala ed un carciofo. Un nero di Caserta, una maritata ed un guanciale. Nu’ curt, nu’ chiatt e nu’ baccalà in carrozza. Santi, pummarulelle e paccheri. Una stella. Una porta nasconde tante storie e se non sai quale scegliere puoi sempre dire: “Rafè fa tu”»
Leggi questo sulla home del sito prima di entrare. Poi vi entri e capisci perché Raffaele Vitale è geniale e perché «Casa del Nonno 13»  è un luogo unico di cui si può leggere, per esempio che «Casa del Nonno 13 è un racconto gastronomico ospitato in una cantina del ‘700 che profuma ancora di mosto. Come il cuore del centro storico di Sant’Eustachio di Mercato San Severino, Salerno. Una terra dove il cibo, la sua conservazione e la sua preparazione sono ancora strumenti per narrare storie e scandire il tempo. Una terra che ha nelle sue radici la forza della semplicità e permette, al giusto narratore, di impiattare, con il cuore e la testa, l’autentico e raccontare prodotti e ricette del territorio con cura e rispetto della storia, della cultura e del patrimonio gastronomico regionale».
Qui Vitale è un vulcano in piena e se lo segui nel viaggio all’interno dei luoghi di «Casa del Nonno 13» resti con non poche meraviglie. Ci sono le zuppe, gli antipasti, i paccheri rigorosamente Vicidomini con il pomodoro San Marzano ma anche ogni tipo di raccomandazione per chi si trova qui.
«I menu degustazione sono obbligatori per tutti gli ospiti del tavolo. Il pesce crudo, quando presente in menu, subisce un processo di abbattimento. Per i celiaci, vista la disponibilità di alimenti glutin free, consigliamo un menu personalizzato. Eventuali allergie o intolleranze devono essere comunicate al momento dell’ordinazione. Le nostre porzioni di pasta sono testate sui 90 grammi circa, esigenze diverse devono comunicate e non implicano costi aggiuntivi. Per tavoli superiori ad otto commensali consigliamo un menu unico. I signori ospiti sono pregati di consultare la carta dei vini o di chiedere informazioni sul vino consigliato e relativo prezzo». Il sevizio, nei giorni di Sabato e Domenica, potrebbe risultare un po’ più lungo del normale, ma per questo  «Casa del Nonno 13» ringrazia in anticipo per la pazienza.

 

https://www.youtube.com/watch?v=ymmkiM2H2fc

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *