La stagione dei corbarini che Maida esporta anche negli Stati Uniti

Nella stagione dei corbarini ritorna la meraviglia dei profumi e del colore rosso di cui questo prodotto tipico abbonda. Sarà che nella scheda dei prodotti tipici che la Regione Campania ha redatto per il pomodorino corbarino si parla persino di un segreto come per tutti i cibi che si rispettano e dei quali si narra, di anno in anno, il successo e la diffusione.

“Il segreto – si legge – è proprio nel Pomodorino di Corbara (località della provincia di Salerno da cui corbarino) che ha la caratteristica unica di assorbire l’aspro salmastro del mare e di conferire ai sughi l’aroma penetrante dei frutti di mare, anche se non ci sono”.

Lo sanno bene anche Fabrizio Vastola e suo padre Francesco, che non a caso arrivò nel Cilento dalla provincia di Salerno, per dar vita all’Azienda agricola Maida/Vastola che produce su terreni diversi i migliori prodotti della terra Campana e della tradizione. “C’era una volta una famiglia…” recita l’incipit della narrazione dell’Azienda Maida. Noi diremmo, a buon diritto, che c’era e c’è, sempre meglio, la qualità dei prodotti che Fabrizio e Francesco Vastola coltivano per mettere sotto’olio o in vasi di vetro per farne conserve come nella più antica tradizione degli avi.

Così, sul finir di questo agosto caldo ed assolato, come piace ai frutti, agli ortaggi e alle verdure che le terre del sud producono, nei luoghi dell’Azienda Maida, si lavora a riempire i vasi di vetro nei quali i pomodorini corbarino si mostrano come mai prima. Il rosso intenso e i dettagli, curati con dovizia, di una confezione che verrà messa in scatoli ben protetti. Dovranno attraversare l’oceano per arrivare sul mercato americano dove il successo è la costante di questi anni. In questo cortometraggio, di appena tre minuti, Fabrizio Vastola ci racconta che cosa accade d’estate con il rosso dei pomodorini corbarino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vai alla barra degli strumenti