Alfonso Iaccarino, lo chef che porta da decenni un territorio a tavola

Alfonso Iaccarino, lo chef che porta da decenni un territorio a tavola

Alfonso Iaccarino ha inventato uno stile. Il convincimento, più di trent’anni dopo, è ormai unanime e arriva anche dagli altri chef che lo hanno emulato in questi anni. Nella videoteca dei grandi chef italiani non poteva mancare le mente geniale e semplice che nacque e vive in un magnifico paese della penisola sorrentina e che a Punta Campanella, di fronte ai faraglioni di Capri, tre decenni fa, assieme ad una donna speciale che non è solo la compagna della sua vita ma è anche l’altra mente geniale che anima il “Don Alfonso 1890” volle fare una scommessa che ha vinto a pieni voti. Un passo audace, il ricupero di una collina fantastica di otto ettari dove far crescere con cura e passione tutti i prodotti che fanno cucina, condimento, sapore unico, limoni e pomodori, ortaggi e verdure, aromi e spezie, agrumi ed olive. 
Ristorante e relise, luogo di meraviglia e di benessere il “Don Alfonso 1890”  ha una scuola di cucina, otto camere da meraviglia, una cucina in ceramica che è fucina internazionale per giovani talenti, ma anche giardino, piscina riscaldata, un forno a legna all’aperto, sale da pranzo e ogni altro angolo curato nei minimi dettagli con una cromoterapia che fa tutto il resto. Attorno allo stabile centrale di un luogo che assomiglia ad una “corte dei sapori” si muovono i laboratori dove si produce olio di qualità ma anche linconcello. Poco distante, dietro lo stesso cortile, c’è una delle cantine più belle d’Italia: un fascino unico che scava la terra, che scende in profondità e che è annoverata tra le più belle cantine d’Europa. Alfonso e Livia ne vanno fieri da quando decisero di far scavare per riportare alla luce antichi camminamenti. Per capire il “Don Alfonso 1890” ci devi stare almeno un giorno, devi parlare con il giovane chef che ha già tanta strada fatta di nome Ernesto Iaccarino, figlio secondogenito di Alfonso e Livia, ma devi anche chiedere di Mario Iaccarino che, da primogenito, ha deciso di vocare i suoi studi economici, fatti in nord Europa, alla missione di famiglia privilegiando l’arte dell’accoglienza che cura nei dettagli. Devi visitare la cantina di casa e, soprattutto, andare con Alfonso Iaccarino, chef pluristellato Michelin, nell’azienda agricola di Punta Campanella a bordo di qualche mezzo di fortuna già collaudato dalle sue stesse mani e farti guidare dalla sua passione. Noi abbiamo fatto esattamente questo per raccontare e consentire che si raccontasse, senza filtri, lo chef di Sant’Agata sui due Golfi.  Ne è venuto fuori un cortometraggio di grande impatto.

One Reply to “Alfonso Iaccarino, lo chef che porta da decenni un territorio a tavola”

  1. Un grande maestro della cucina italiana. Bravo chef Iaccarino. Ho avuto modo di restare alcuni giorni a S, Agata sui due golfi presso Don Alfonso ed ho trovato una meraviglia di sapori e di accoglienza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *